Categoria Interventi vescovo

Riflessione del vescovo Piemontese sulla vicenda del neonato morto a Terni: “Pietà e perdono della chiesa e della comunità cittadina nei confronti del piccolo “Francesco””.

Costernazione, meraviglia, choc, sdegno sono state espresse per la tristissima vicenda dell’abbandono del neonato, che noi amiamo chiamare “Francesco”, da parte della madre e per la morte del piccolo, avvenuta il 2 agosto.
Espressioni, che la stampa nazionale e locale ha usato per descrivere la reazione della gente di fronte ad uno dei gesti più innaturali e irrazionali che possano registrarsi in capo al genere umano.
La popolazione giustamente è allarmata e varie persone, associazioni e persino il Consiglio comunale di Terni hanno voluto interpretare il comune sconcerto per l’abbandono e la morte del neonato.
Credo che in questo momento tutti abbiamo bisogno di avvertire un sentimento colpa e di vergogna, e rivolgere una richiesta di perdono al piccolo, che non ha avuto neppure...

Leggi >

Auguri del vescovo al nuovo Sindaco di Terni Latini: «La città ha bisogno di prospettive nuove, alte, di idealità civili, culturali, sociali e spirituali che aiutino i cittadini ad un balzo di benessere il più vasto possibile»

«Esprimo le vive congratulazioni e auguri per l’elezione e il consenso conseguito. Queste ore sono belle e gratificanti perché sono pervase dall’orgoglio per essere stati personalmente scelti e favoriti dalla fiducia dei cittadini. Ciò comporta onore e responsabilità per essere stati chiamati al servizio alla collettività e alla città.
Il sindaco non è uomo di parte, è colui che rappresenta l’intera città nelle sue varie componenti. È al servizio del bene comune, privilegiando coloro che vivono in condizioni sfortunate e disagevoli. Un impegno non facile che richiede attenzione, ascolto, discernimento e condivisione con tutte le realtà che compongono la società.
Terni ha bisogno di prospettive nuove, alte; di idealità civili, culturali, sociali e spirituali che aiutino i ...

Leggi >

Narni San Giovenale 2018 – cerimonia della rievocazione storica dell’offerta dei ceri

Questa sera rievochiamo e rinnoviamo il gesto delle autorità comunali della città di Narni, delle sue contrade e dei rappresentanti delle arti, per l’offerta dei ceri a san Giovenale nelle mani del suo successore, il vescovo di Narni.
Tutti voi tenete a rinnovare questo gesto, al termine della sfilata per le vie della città e ad avvio solenne dei solenni festeggiamenti in onore del Santo Patrono. Avete attraversato la città, messa a festa, sotto lo sguardo dei concittadini e di gente venuta da varie parti d’Italia e oltre.
Questa maestosa Cattedrale, chiesa madre, costruita ad onore di Dio Onnipotente, sopra il sepolcro glorioso di San Giovenale, e l’intera chiesa diocesana rappresentata dal vescovo, dai canonici e dai sacerdoti e diaconi, accolgono in un abbraccio di pace e di ben...

Leggi >

Natale 2017 – Auguri del vescovo alla comunità diocesana

Le celebrazioni dell’Avvento-Natale, nel nostro territorio, hanno il loro inizio luminoso con l’accensione della Stella di Miranda nella festa dell’Immacolata Concezione di Maria.
Una stella nel cielo, sopra la nostra città di Terni per illuminare le notti oscure e lunghe dell’umido e freddo inverno umbro. Essa è rappresentazione simbolica e ravvicinata di miliardi di costellazioni lontane, nelle quali la nostra terra sembra perdersi.
Guardando la stella viene spontaneo immergersi nella riflessione sui grandi interrogativi dell’esistenza: da dove l’universo, quale destino per l’umanità, e noi solo punti sperduti nello spazio?
Nel tempo di Natale il nostro animo è predisposto ad evocare sogni, meraviglie, desideri, aspirazioni, e volentieri volgiamo lo sguardo alla stella c...

Leggi >

Assemblea ecclesiale per indizione della visita pastorale – 17 settembre 2017

Un nuovo inizio, antiche sfide
Siamo in un tempo che ci confonde e a volte ci opprime con le grandi sfide mondiali e locali, dalle dimensioni internazionali, globalizzate, quali la fame, la pace, l’ecologia con i cambiamenti climatici, l’immigrazione, le cui soluzioni ancora non sono nemmeno intraviste e perciò sempre rinviate oltre l’orizzonte; a quelle nazionali e locali, quali il lavoro, i giovani, la salute, la politica, la corruzione, la criminalità, ecc.
La comunità diocesana, impegnata a dare inizio alla visita pastorale, non può non tener conto di tale pesante fardello e pur nel divario sproporzionato tra la nostra realtà e le sfide incombenti, avverte di dover porre in essere una reazione responsabile, costruttiva, carica ricca e aperta alla speranza.
In questo oceano a...

Leggi >

Assemblea ecclesiale e indizione della Visita pastorale

Assemblea ecclesiale per l’indizione DELLA VISITA PASTORALE ALLA DIOCESI
“Ritorniamo a far visita ai fratelli in tutte le città nelle quali abbiamo annunciato la parola del Signore, per vedere come stanno”. (At 15,36)
Carissimi, fratelli presbiteri, diaconi, persone consacrate e fedeli laici: il Signore vi dia la Pace!
Stiamo per iniziare, nel nome del Signore, un nuovo anno pastorale: tempo di Grazia per crescere nella fede e nella gioia. Lo inizieremo tutti insieme, con una grande Assemblea Ecclesiale, liturgica e pastorale, per manifestarci nella carità l’amore del Signore e per invocare insieme il dono dello Spirito Santo sul cammino che ci attende. Vogliamo rafforzare la Comunione per rinnovare la Missione di annunciare e testimoniare il Vangelo, che Gesù ci ha donato...

Leggi >

San Giovenale 2017 processione

Nella piazza della città, scenario di incontri civili, ma anche di vicende cittadine, dialoghi, giudizi, complotti, di incontri pacificatori, sostiamo in raccoglimento autorità civili, uomini e donne di fede e cittadini attratti da un legame viscerale di simpatia e di venerazione per Giovenale, il santo vescovo di questa comunità.

All’interno del Palazzo comunale, costruito nel 1273 con l’unione di tre torri dicono le guide della città, si possono ammirare quattro opere d’arte, a ricordo e monito dei vostri valori: l’Incoronazione della Vergine, realizzata nel 1486 dal Ghirlandaio, il San Francesco Stigmatizzato dello Spagna, l’Annunciazione di Benozzo Gozzoli e una Mummia Egizia del IV secolo a.C.
Riflettendo su tutto ciò, ho formulato una mia interpretazione.
Le tre torri unite ...

Leggi >

San Giovenale – cerimonia della rievocazione storica dell’offerta dei ceri

Questa sera rievochiamo e rinnoviamo il gesto delle autorità comunali della città di Narni, delle sue contrade e dei rappresentanti delle arti, per l’offerta dei ceri a san Giovenale nelle mani del suo successore il vescovo di Narni.
Un gesto, che si ripete da secoli, che inserito nella rievocazione e nella ripresentazione di antiche tradizioni, si purifichi sempre di più fino ad esprimere nella verità ciò che vuole significare.
Tradizione e folklore devono convergere nella chiarificazione e nel rafforzamento del rapporto identitario della città e di tutti noi attorno a san Giovenale e a ciò che a lui premeva: l’adesione religiosa, l’amore per Dio e la cura per la città che gli era stata affidata.
Viene spontaneo chiedersi: quale è il senso dell’offerta dei ceri?
Quest’ann...

Leggi >

IV centenario della fondazione del monastero delle Carmelitane Scalze a Terni

Cari fratelli e sorelle,
Annuncio all’intera Comunità diocesana le celebrazioni giubilari che si terranno in occasione della ricorrenza dei 400 anni dalla fondazione del “Monastero dei Santi Giuseppe e Teresa” delle Carmelitane Scalze di Terni, una tra le comunità monastiche più antiche e rappresentative della città. Fu il Vescovo di Terni Mons. Gera, che il 5 febbraio 1618, diede inizio alla prima comunità con la vestizione delle prime cinque novizie,
La sede del primitivo monastero occupava l’area dell’odierno largo Cairoli, a Terni, dove la comunità rimase per circa due secoli...

Leggi >

Verso la Pasqua – la lettera del Vescovo ai presbiteri e religiosi

Siamo prossimi alla celebrazione della Pasqua, nucleo essenziale del messaggio cristiano, carta di identità della Chiesa locale e universale. Nei giorni scorsi abbiamo pregato: “O Padre, concedi al popolo cristiano di affrettarsi con fede viva e generoso impegno verso la Pasqua”. Fede viva e generoso impegno che diventano concretezza di amore verso il Signore e i fratelli. A noi presbiteri, in modo particolare, è affidato l’onere della preparazione liturgica e l’onore dell’annuncio solenne della Pasqua, la “bella notizia” che Cristo è risorto...

Leggi >