Piediluco – Festa del patrono Buon Gesù – Le foto e il video

Celebrata la festa del Buon Gesù a Piediluco con la messa solenne presieduta dal vescovo di Terni-Narni-Amelia Francesco Antonio Soddu e concelebrata dal parroco don Ioan Ghergut, dal vicario generale mons. Salvatore Ferdinandi e alla presenza dei sacerdoti della vicaria Terni 3. Entrando in chiesa il vescovo si è soffermato per una breve preghiera davanti alla tomba di don Mario Baciarelli a lungo parroco nel borgo lacustre e fondatore della “Casa del Giovane” opera di accolgienza per i ragazzi più svantaggiati.
Nell’omelia il vescovo ha ricordato il difficile momento della pandemia e intrepretare alla luce del tempo che viviamo il pensiero di Dio, cioè richiamare il nostro impegno: “Gesù è buono perché ha dato se stesso per noi; ed è buono perché vuole il nostro bene, il bene di ciascuno di noi. Dal mistero della sua donazione in croce abbiamo la splendida opportunità di accedere all’insegnamento grande datoci da lui il quale ci indica quale sia veramente il nostro vero bene. Consideriamo quanto nei progetti internazionali, nazionali, regionali, familiari e personali, ossia in tutto ciò che si desidera possa essere utile per la vita, questa verità, cioè la salvezza del mondo attraverso la donazione del Figlio in croce, sia tenuta in considerazione. In altre parole consideriamo quanto, a partire da noi stessi, quanto la salvezza operata da Cristo sulla croce sia tenuta in considerazione nei nostri progetti e programmi di vita. Guardando il Signore crocifisso, noi oggi consideriamo la sua bontà e con san Paolo esclamiamo: Mi ha amato e ha dato se stesso per me!. Questa bontà diventa dunque il metro di misura per ogni nostro rapporto interpersonale, vale a dire come Lui mi ha amato e ha dato se stesso per me, così anche io se, voglio manifestare amore autentico nei confronti di chiunque, devo necessariamente mettere in atto la stessa dinamica, ossia dare me stesso, tutto me stesso… e non soltanto intenzioni, bei pensieri, buoni propositi circostanziati. La bontà dell’amore si misura con l’amore infinito di Dio, che in Gesù suo Figlio si è donato completamente a noi”.

L’OMELIA DEL VESCOVO
Al termine della celebrazione il vescovo ha salutato i fedeli presenti e ha fatto visita agli ospiti della Casa del Giovane che hanno donato al vescovo Soddu un albun per foto relaizzato da loro nei laboratori di carta riciclata e rilegatoria.
Alle ore 15.30 è seguita l’adorazione eucaristica nella chiesa di San Francesco, sul tema “Attratti dall’amore”.

Il crocefisso ligneo del Buon Gesù custodito alla chiesa di San Francesco è legato alla tradizione che narra che in quella stessa data, in una notte della fine del XVI secolo, i cavalli che trasportarono il crocefisso da Monteluco di Spoleto a Leonessa, stanchi, si fermarono a Piediluco e non vollero più ripartire. Ciò fu interpretato dai piedilucani come il segno alla volontà del Buon Gesù di restare per sempre tra di loro.
In preparazione alla solennità del Buon Gesù il 13 gennaio alle ore 17.00 la messa prefestiva e la preghiera al crocifisso del Buon Gesù.
Per tutto il periodo della festa, al termine di ogni appuntamento verranno distribuite le ciambelle benedette.
LA PREGHIERA AL BUON GESU’